Come essiccare e conservare l’origano

Come essiccare e conservare l’origano

Tra le spezie che rendono così saporita la cucina mediterranea, l’origano occupa un ruolo di primo piano essendo utilizzato per la preparazione di diversi piatti, dal semplice e saporitissimo pane condito solo con olio e origano, alle insalate, ai piatti a base di carne, fino ad un gran numero di contorni. In genere lo acquistiamo già pronto negli scaffali del supermercato, ma l’origano può essere facilmente coltivato ed essiccato anche in casa, procedendo con la semina nel periodo primaverile e raccogliendo poi i rametti tra giugno e agosto, quando questi avranno raggiunto una lunghezza di 40-50 cm. Profumatissimo è poi l’origano selvatico, che cresce soprattutto in montagna fino a 1000-1200 metri d’altitudine, nei luoghi maggiormente esposti al sole. Basterà raccoglierlo nelle belle giornate estive e poi essiccarlo seguendo i consigli che vi proponiamo in questa guida.

Una volta raccolto l’origano, lavatelo, asciugatelo e fatene alcuni mazzetti utilizzando dello spago o degli elastici. La raccolta, come detto, va fatta nel periodo estivo, durante la fioritura, quando la piantina effonde al massimo il proprio gradevole e delizioso aroma. I mazzetti così ottenuti vanno poi messi ciascuno in una bustina di carta o di plastica, per evitare di disperdere le foglioline che seccando si staccano dallo stelo. Appendiamo quindi i mazzetti all’ingiù in un luogo asciutto e areato, badando a non esporli direttamente ai raggi del sole, che potrebbero bruciare ed annerire le delicate piantine disperdendo tutto il loro profumo e rendendole così inutilizzabili. Il tempo di essiccazione varia molto in funzione delle condizioni atmosferiche e del luogo ove abbiamo messo ad essiccare i rametti. In genere dovrebbero bastare 6-7 giorni, ma per accertarci che le piantine siano effettivamente pronte non dovremo far altro che vedere se le foglioline si sbriciolano tra le nostre dita.

Quando l’origano è perfettamente secco, non ci resta che tritarlo e conservarlo in barattoli di vetro. Sleghiamo dunque i rametti e disponiamoli sulla bustina di carta che li conteneva. Con il matterello ripassiamo quindi alcune volte sopra di essi per staccare i fiori e le foglie dagli steli. Nel fare questa operazione eliminiamo i rametti più robusti e continuiamo a passare il matterello finché non avremo sminuzzato quanto basta il nostro origano. La spezia è ora pronta per essere conservata in vasetti di vetro, e ci tornerà utile nel corso di tutto l’anno per insaporire le nostre pietanze col suo straordinario aroma, che tanto ricorda il sole e l’estate trascorsa!

Pavone Sistemi: leader mondiale dei sistemi di pesatura

La Pavone Sistemi è un’azienda leader nel campo della produzione di sistemi di pesatura elettronica e di misure di forza. In particolar modo, la società è stata in grado di differenziare i propri dispositivi di misurazione, creando indicatori di peso, trasmettitori, strumenti per il dosaggio dei diversi componenti o ingredienti…

L’idea principale che il brand vuole trasmettere dei propri sistemi di pesatura è che questi non sono delle semplici “bilance”, ma diventano dei componenti attivi nelle linee di produzione industriali, anche all’interno di settori completamente differenti tra loro, da quello chimico a quello farmaceutico, dall’alimentare all’industria pesante.

I TRASMETTITORI DI PESO
Così come ben spiega il loro nome, i trasmettitori di peso sono delle strumentazioni in grado di convertire il segnale ricevuto da una cella di carico in un valore numerico che viene poi trasmesso ad un dispositivo finale.

GLI INDICATORI DI PESO
Interpretano e visualizzano i segnali ricevuti da una cella di carico. Hanno inoltre la capacità di controllare il comportamento della strumentazione industriale a cui sono collegati: se vengono inserite delle soglie di peso di sicurezza, queste attrezzature sono in grado di arrestare la macchina stessa o di eliminare campioni che non corrispondono al peso accettato preimpostato (funzionano quindi come una strumentazione per il controllo qualità ponderale).

GLI STRUMENTI DI DOSAGGIO
Sono dei dispositivi utilizzati in tutte quelle operazioni in cui è necessario pesare e dosare i diversi ingredienti di una ricetta, sia essa alimentare, nell’industria chimica, nel campo delle preparazioni dei colori… I software sono altamente specializzati per poter inserire tutta una serie di ricette, con i set point dei diversi componenti, in modo tale da controllare l’intero processo di produzione, comandare e verificare l’introduzione dei diversi ingredienti nelle quantità e l’ordine corretto predefinito.

Tra i vari campi di applicazione pratica dei propri strumenti di precisione, la Pavone Sistemi opera anche nel delicato campo degli esplosivi in cui la prerogativa deve essere la sicurezza degli ambienti. Per questo motivo l’azienda deve sottostare al rigido e rigoroso rispetto delle normative Atex che regolano le caratteristiche costruttive e protettive dei diversi strumenti elettronici.

NUOVI SISTEMI DI PESATURA: GLI STRUMENTI DI PESATURA DINAMICA
I dispositivi di pesatura dinamica devono essere in grado di effettuare una misurazione costante del peso, tenendo conto delle sue variazioni e della velocità con cui queste avvengono. Un classico uso di queste attrezzature si ha in collegamento con i nastri trasportatori pesatori: il regolatore di portata deve essere in grado di far variare la velocità di trasporto del nastro in funzione dell’ aumento o diminuzione del peso del prodotto in transito per ottenere come risultato finale il mantenimento di una portata costante.

Molto particolari sono i NASTRI PESATORE/DOSATORE in grado di scaricare le corrette quantità di ogni singolo ingrediente che compone una ricetta: il nastro misura e controlla intrinsecamente il peso di quanto trasporta, fino ad arrestarsi quando ha scaricato la quantità di materiale richiesta dalla precisa ricetta preimpostata.
Per verificare, poi, che alla fine della linea di produzione il peso dei prodotti rientri all’interno di un range di tolleranza predefinito, si possono utilizzare dei semplici dispositivi di verifica ponderale che, automaticamente, scartano i campioni non conformi.

Benefici della sauna

Facendo una sauna richiede tranquillità e relax. Non può essere fatto in fretta. Questo è già di per sé molto utile per problemi di stress cronico. A tal fine, perché la stessa procedura devono essere aggiunti quelli derivanti dalla sauna e due stati o fasi, il riscaldamento e raffreddamento. I vantaggi comprendono la disintossicazione della pelle, pulizia delle vie aeree, migliorando il flusso di sangue che il cuore pompa più forte e prepararsi per un buon sonno.

Riscaldamento

Nella fase di riscaldamento si verifica elevazione della temperatura corporea fino a circa 40 ° C, quindi c’è una forte sudorazione e l’apertura di pori. I vantaggi forniti da questa fase sono:

– Muscolare e rilassamento mentale.

– Sudorazione, che produce l’escrezione dei rifiuti e la pelle pulita.

– Normalizzazione della pressione arteriosa.

– L’accumulo di calore.

– Vasodilatazione e maggiore circolazione del sangue.

– Alterazione del sistema di termoregolazione dell’organismo.

– Benefici sul sistema respiratorio.

Raffreddamento

Nella fase di raffreddamento c’è un brusco cambiamento di temperatura. Questo contrasto rende  modifiche nel circolo sanguigno e fornisce il recupero della normale temperatura del corpo umano. I benefici che si sono ottenuti:

– La saturazione dell’ossigeno nel sangue.

– Contrazione dei vasi sanguigni, in contrasto con l’espansione della fase calda.

– Normalizzazione della temperatura corporea.

– Stimolazione mentale.

In generale, i benefici terapeutici della sauna stimolano la circolazione del sangue al cuore per accelerare il passo del sangue alla pelle per il raffreddamento e migliorare la risposta di sudore che si ottiene forzando la sudorazione, stimolazione termica, si verifica l’eliminazione delle tossine attraverso il sudore (rimuove anche componente benefica deve essere sostituito dopo la sauna), allevia il dolore di artrite attraverso l’applicazione di calore. La sauna rilassa i muscoli, pulisce e disintossica vie aeree, le impurità sono espulse dal corpo e combatte la malattia del sistema respiratorio. Tuttavia, la frequenza abituale o saune prolungato deve essere autorizzato da un medico, per certe malattie dell’apparato respiratorio e circolatorio non beneficiano di soggiornare in un ambiente caldo, quindi la frequenza di utilizzo per le persone che soffrono di più non dovrebbe superare di una volta alla settimana.

La sauna può essere combinato  con un massaggio.

tradizione finlandese dice

… La sauna ti rende morbido. Quando si sente il dolore nelle vene e le ossa sono stretti, il rimedio è una sauna. Quando hai mal di testa, vai a fare la sauna. Quando hai la tosse non si può andare fino a quando non  passa.

Note

La sauna è indicata direttamente ai seguenti problemi:

– Stress e preoccupazioni del lavoro.

– dolori reumatici che non sono in fase acuta.

– Disintossicazione.

– Fortificazioni.

– Miglioramento della circolazione sanguigna.

– Miglioramento del riposo notturno (si deve prendere almeno 3 ore prima di coricarsi).

– Sforzi di miglioramento e sovraccarichi, danni minori, contratture muscolari, miofibrosi, dolore spinale, dolore alla schiena e mal di schiena.

– Miglioramento della condizione della muscolatura.

– Miglioramento del sistema respiratorio (faringite e bronchite), soprattutto i fumatori.

– Asma bronchite.

– Miglioramento dei disturbi della menopausa.

Sotto controllo medico e le indicazioni possono essere applicati a pazienti post-infarto in fase di riabilitazione e asintomatica malattia coronarica.