Che cos’è il Visa Partner per l’Australia

Che cos’è il Visa Partner per l’Australia

In Australia tutto ciò che ha a che fare con l'immigrazione viene valutato con la massima serietà, e ciò vale a maggior ragione per il rilascio dei visti: ne sono previste varie tipologie, in base alla ragione per cui si ha in mente di trasferirsi lì. Il Visa Partner, per esempio, è la soluzione a cui si deve fare riferimento nel caso in cui si abbia in mente di emigrare in coppia. Per le ragioni che scopriremo nelle prossime righe, chi vuole usufruire di questo visto deve iniziare a pensarci con un certo anticipo rispetto alla data programmata per la partenza: almeno un anno, ma sarebbe meglio ancora di più.

Le autorità australiane, infatti, prima di concedere il Visa Partner domandano ai richiedenti dettagli e informazioni particolareggiate a proposito della nascita e dell'evolversi della coppia: in particolare, escludono dal programma tutte le coppie che sono tali da meno di un anno, e possono ottenere le informazioni di cui sono in cerca anche dai familiari o dai conoscenti della coppia stessa. Insomma, ci vuole un certo impegno per fornire prove sull'esistenza della relazione: si potrebbe trattare, per esempio, di contratti di affitto cointestati, ma anche di bollette della luce, o perfino di foto di viaggi realizzati insieme. Un iter a dir poco elaborato, come si può intuire, oltre che costoso: il prezzo da pagare per il visto, infatti, sfiora i 3mila dollari.

Entrambi i richiedenti, poi, devono fornire il certificato di nascita dei rispettivi genitori, ma soprattutto un certificato penale e dei carichi pendenti riguardante ognuno dei Paesi in cui si è vissuto dopo i sedici anni per almeno dodici mesi (non è necessario che il periodo venga conteggiato consecutivamente: se, per esempio, si è vissuto negli Stati Uniti per sei mesi nel 2005 e per altri sei mesi nel 2015, vale come dodici mesi). La traduttrice Giuliana Bonifacio ha redatto la guida "Carichi pendenti cosa sono", che permette di conoscere ogni dettaglio in proposito (ti consigliamo di leggerla).

Il rilascio dei certificati non è gratuito: nello specifico, quello generale del casellario giudiziario prevede il pagamento dei 14 euro e 62 centesimi della marca da bollo, mentre per il certificato dei carichi pendenti la spesa prevista è di 3 euro e 54 centesimi. Infine, vale la pena di ricordare che chi richiede il Visa Partner deve sottoporsi in un centro riconosciuto dal governo australiano a una visita medica generale, con tanto di radiografia del petto ed esami ematici. 

bestandard

I commenti sono chiusi