Giardini verticali per terrazzi di città, idee di design contemporaneo

Si definiscono giardini verticali o pareti verdi arredamenti in altezza che consentono di far crescere varie piante, possono essere le rampicanti che coprono interamente le pareti, gli arbusti e gli alberi da vaso che sviluppandosi creano delle vere e proprie mura ornamentali o divisorie. Per essere costruite necessitano di diverse strutture e accessori, come reti metalliche visionabili qui Esconti.it, vasi con ganci, fili da giardinaggio, micro tubi e collegamenti per allestire l’impianto di innaffiatura a goccia e di irrigazione.

I giardini verticali consentono di poter vivere i numerosi benefici delle piante in casa dove sarebbe difficile coltivarle o farle crescere, grazie a numerose specie da appartamento o luoghi semi-chiusi grazie alle pareti verticali si riesce ad assorbire l’inquinamento urbano, creare un ambiente di tranquillità e benessere. Inoltre, anche le piante di casa sono un dono importante alla biodiversità vegetale e animale, con attenzione particolare alle api minacciate dai cambiamenti climatici e dai pesticidi, altri insetti impollinatori, soprattutto farfalle.

Pareti verdi o floreali, una tendenza green del ventunesimo secolo

La costruzione di giardini verticali, pareti verdi o floreali è una tendenza contemporanea che risponde alle esigenze di chi ama le piante e vuole dedicare tempo al pollice verde anche se abita in un appartamento senza terrazzo. E’ proprio dai proprietari di terrazzi e cortili che è nata l’esigenza di sfruttare o le mura o lo spazio per riuscire a coltivare un numero maggiore di piante possibili, addirittura degli orti in vaso, coltivazioni in serie di ortaggi, spezie e altre verdure possibili da far crescere sfruttando anche gli spazi in altezza o lunghezza.

Sulle piante e gli alberi residenziali si punta un rinnovamento green ecosostenibile delle città, i Palazzi del Bosco Verticale di Milano sono un esempio di bioarchitettura premiato in tutto il mondo che fa comprendere le tendenze e le necessità cittadine e ambientali dal 2020 in poi. Anche nelle città si possono creare zone verdi con alberi e piante utili ad assorbire le conseguenze negative di tanti tipi di inquinamento che incrementano la CO2 e minacciano tante specie animali e vegetali.

Come si crostruisce un giardino verticale o una parete verticale.

Giardini verticali e pareti verdi o floreali sono differenti tra loro, entrambi possono essere allestiti in terrazzi, case dallo spazio grande, cortili interni senza terreno coltivabile.

Per la crescita delle piante e la fioritura bisogna considerare le correnti d’aria e il sole. La posizione della parete o del giardino è importante anche per le sempreverdi che pur non soffrendo la mancanza di sole o calore, cambi di temperatura continui, necessitano sempre di attenzione, acqua e potature varie, è importante il controllo dello stato di salute delle foglie che possono essere attaccate da insetti simili ai moscerini, oppure seccarsi per essere sostituite da nuove foglie o rami in bocciolo.

Un giardino verticale o una parete verde si costruisce installando un telaio o metallico o di legno dove verranno inseriti i vasi delle piante oppure fatte crescere delle rampicanti. Esistono dei vasi dotati di gancio che si possono inserire in altezza, oppure delle basi di appoggio sempre per vasi da distribuire in maniera regolare o fantasiosa. Le pianti rampicanti, invece, partono da vasi molto grandi poggiati a terra che possono essere coperti con del legno decorativo. Si deve tenere conto delle radici, più la pianta cresce e più queste crescono fino a rompere il vaso se questo non è robusto o adatto a specie continue.

Si continua con l’impianto idraulico di irrigazione automatica o innaffiamento a goccia regolabile, quest’ultimo è importante per garantire l’idratazione perenne e controllata del terreno, che andrà trattato con prodotti chimici da nutrimento e concime.

Farmacie di successo: ecco quello che piace ai clienti

Farmacie di successo: ecco quello che piace ai clienti

Cosa rende una farmacia di successo? Se è vero che 3 clienti su 5 dichiarano di rivolgersi sempre alla stessa farmacia, vuol dire che esistono delle caratteristiche che devono essere indagate e ricercate per capire quali sono le offerte più apprezzate. Di certo l'allestimento delle diverse vetrine ha un ruolo di primo piano: non si deve pensare alla vetrina come a un contenitore a cui destinare messaggi e articoli senza un criterio, dal momento che l'esposizione dei prodotti per risultare efficace deve essere, prima di tutto, coerente. Ciò vuol dire, per esempio, che è necessario individuare un tema, tale da garantire un messaggio utile. 

La comunicazione di una farmacia di successo si basa su un numero di parole scritte tutto sommato ridotto, visto che tende a privilegiare le immagini. Ogni volta che viene esposta la confezione di un prodotto, la trasparenza impone che venga mostrato anche il prodotto stesso, estratto dalla confezione. Un'idea interessante è quella di individuare un punto di attrazione focale su cui concentrarsi e che permetta di incuriosire la clientela: si può trattare di un quadro, di un poster o di un semplice tavolino. Una farmacia capace di attirare le persone deve porre la chiarezza sempre al primo posto: i prezzi devono essere ben esposti ed evidenti. 

Non bisogna dimenticare che, al giorno d'oggi, i consumatori non si rivolgono alle farmacie solo per l'acquisto di medicinali, ma anche quando sono in cerca di prodotti cosmetici: si tratta di un fattore da non sottovalutare e che può incidere sul successo commerciale. I clienti tendono ad apprezzare, da questo punto di vista, la competenza specializzata di chi si trova dietro al bancone: ogni farmacista, dunque, dovrebbe essere ben informato a proposito dei cosmetici che propone. D'altro canto, anche la bellezza e il benessere del corpo contribuiscono alla salute globale di una persona.

La vastità dell'assortimento è un altro dei criteri che vanno presi in considerazione quando si pensa a una farmacia di successo: più è ampia l'offerta e più è facile che i clienti trovino ciò di cui hanno bisogno. Attenzione, però: è essenziale che la ricchezza dell'assortimento non si tramuti in disordine o in confusione: tutti i prodotti esposti devono essere in ordine e facilmente individuabili. Per favorire i flussi di clientela, infine, molte farmacie prevedono la presenza di più di una postazione di lavoro, ognuna delle quali caratterizzata da arredi diversi: nessuno ha voglia di restare in attesa in coda in farmacia, infatti.

Nel capoluogo friulano le farmacia di Udine migliore si è rivelata essere Farmacia Pelizzo in Via Cividale, 294 a Udine. 

Le nuove frontiere del digitale: cosa desiderano i pazienti dai professionisti della salute.

Brand ed esperti di marketing devono tenere in considerazione parecchie cose nel panorama sanitario in continuo cambiamento di oggi. I pazienti sono soddisfatti dei loro rapporti con i fornitori di assistenza sanitaria? Quanto è probabile che cambino medico? Cosa si può migliorare con l’esperienza medico-paziente? Con quali modalità le persone vogliono comunicare ed essere informate dagli uffici ed ambulatori sanitari?

Per scoprirlo, Solutionreach ha condotto, negli Stati Uniti, uno studio approfondito su 2.100 utenti del sistema Sanitario statunitense. Tutti gli intervistati possiedono un’assicurazione sanitaria ed hanno visitato un medico nel corso dell’ultimo anno.

Nel complesso, i consumatori citano tre elementi chiave che potrebbero migliorare il rapporto medico-paziente: una maggiore connettività, una maggiore comodità di trasmissione delle informazioni e strumenti online che permettono una comunicazione più immediata con i loro medici

I ricercatori hanno trovato sostanzialmente macro differenze fra tre gruppi target principali: Millennials (età 21-34), Generazione X  (35-51) e Baby Boomers (52-70).

Millenials: tra le tre generazioni, Millennials sono i meno soddisfatti con i loro medici e sono più propensi a cambiare il proprio medico.

Generazione X:  i livelli di soddisfazione sono a metà strada tra gli utenti più giovani e quelli più anziani. Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che sono abbastanza simili ai Millennials, con un’apertura verso la comunicazione digitale e i cambiamenti.

Baby boomers:  i maggiori consumatori di servizi sanitari, sono i meno propensi a cambiare medico. Tuttavia questo non significa necessariamente che siano felici: meno della metà sono soddisfatti dei loro attuali fornitori. I boomers sono anche la generazione meno interessata a ricevere comunicazioni dagli studi medici in formato digitale.

In sostanza, cosa si può fare per migliorare la relazione medico-paziente? Al di là della richiesta che i medici trascorrano più tempo con i loro pazienti,  la ricerca mostra come gli utenti desiderino una migliore comunicazione con il personale dell’ambulatorio e che le interazioni con i professionisti della salute siano semplificate.

Ciò che è importante capire dalla relazione è che la convenienza può assumere forme diverse a seconda delle generazioni: per i pazienti più anziani un miglioramento può consistere anche in personale amichevole che ricorda gli appuntamenti telefonicamente. Per i pazienti più giovani, invece, cambiamento significa integrare le telefonate con messaggi di posta elettronica e avvisi via SMS.

Ciò che emerge dalla ricerca è che non esiste un approccio unico alla comunicazione con il paziente o al marketing sanitario in grado di soddisfare ogni utente. Ogni gruppo di età, e ogni individuo, ha una serie peculiare di preferenze. In definitiva, la chiave per migliorare il rapporto medico-paziente non sta nel passare ad un particolare approccio di comunicazione o marketing, ma piuttosto nell’abbracciare un approccio più vasto possibile in modo che l’intero spettro dei pazienti sia servito nel migliore dei modi.

Benefici della sauna

Facendo una sauna richiede tranquillità e relax. Non può essere fatto in fretta. Questo è già di per sé molto utile per problemi di stress cronico. A tal fine, perché la stessa procedura devono essere aggiunti quelli derivanti dalla sauna e due stati o fasi, il riscaldamento e raffreddamento. I vantaggi comprendono la disintossicazione della pelle, pulizia delle vie aeree, migliorando il flusso di sangue che il cuore pompa più forte e prepararsi per un buon sonno.

Riscaldamento

Nella fase di riscaldamento si verifica elevazione della temperatura corporea fino a circa 40 ° C, quindi c’è una forte sudorazione e l’apertura di pori. I vantaggi forniti da questa fase sono:

– Muscolare e rilassamento mentale.

– Sudorazione, che produce l’escrezione dei rifiuti e la pelle pulita.

– Normalizzazione della pressione arteriosa.

– L’accumulo di calore.

– Vasodilatazione e maggiore circolazione del sangue.

– Alterazione del sistema di termoregolazione dell’organismo.

– Benefici sul sistema respiratorio.

Raffreddamento

Nella fase di raffreddamento c’è un brusco cambiamento di temperatura. Questo contrasto rende  modifiche nel circolo sanguigno e fornisce il recupero della normale temperatura del corpo umano. I benefici che si sono ottenuti:

– La saturazione dell’ossigeno nel sangue.

– Contrazione dei vasi sanguigni, in contrasto con l’espansione della fase calda.

– Normalizzazione della temperatura corporea.

– Stimolazione mentale.

In generale, i benefici terapeutici della sauna stimolano la circolazione del sangue al cuore per accelerare il passo del sangue alla pelle per il raffreddamento e migliorare la risposta di sudore che si ottiene forzando la sudorazione, stimolazione termica, si verifica l’eliminazione delle tossine attraverso il sudore (rimuove anche componente benefica deve essere sostituito dopo la sauna), allevia il dolore di artrite attraverso l’applicazione di calore. La sauna rilassa i muscoli, pulisce e disintossica vie aeree, le impurità sono espulse dal corpo e combatte la malattia del sistema respiratorio. Tuttavia, la frequenza abituale o saune prolungato deve essere autorizzato da un medico, per certe malattie dell’apparato respiratorio e circolatorio non beneficiano di soggiornare in un ambiente caldo, quindi la frequenza di utilizzo per le persone che soffrono di più non dovrebbe superare di una volta alla settimana.

La sauna può essere combinato  con un massaggio.

tradizione finlandese dice

… La sauna ti rende morbido. Quando si sente il dolore nelle vene e le ossa sono stretti, il rimedio è una sauna. Quando hai mal di testa, vai a fare la sauna. Quando hai la tosse non si può andare fino a quando non  passa.

Note

La sauna è indicata direttamente ai seguenti problemi:

– Stress e preoccupazioni del lavoro.

– dolori reumatici che non sono in fase acuta.

– Disintossicazione.

– Fortificazioni.

– Miglioramento della circolazione sanguigna.

– Miglioramento del riposo notturno (si deve prendere almeno 3 ore prima di coricarsi).

– Sforzi di miglioramento e sovraccarichi, danni minori, contratture muscolari, miofibrosi, dolore spinale, dolore alla schiena e mal di schiena.

– Miglioramento della condizione della muscolatura.

– Miglioramento del sistema respiratorio (faringite e bronchite), soprattutto i fumatori.

– Asma bronchite.

– Miglioramento dei disturbi della menopausa.

Sotto controllo medico e le indicazioni possono essere applicati a pazienti post-infarto in fase di riabilitazione e asintomatica malattia coronarica.